foto_01

Volvo TP21 “Sugga”

[huge_it_share]
23 novembre 2016
Comments off
993 Views

Negli anni ’50 il Ministero della Difesa svedese commissionò alla Volvo un veicolo fuoristrada. I tecnici della Casa di Göteborg crearono così il “Sugga”

“Sugga” in svedese vuol dire scrofa. Il curioso appellativo venne affibbiato al veicolo sin dalla sua prima apparizione a causa dell’aspetto tozzo che richiamava un suino. Al Ministero della Difesa Svedese, all’epoca, occorreva un veicolo 4×4 da destinare ai comandi e ai reparti trasmissione. In Volvo allora rispolverarono un vecchio progetto derivato dal  Terrängpersonvagn m/43  4×4, un veicolo costruito sulla base della berlina PV800 con assi e ruote provenienti dal camion Volvo Spetsnos.

Il nuovo veicolo, denominato TP 21, rispetto al primo si presentava più alto, grazie anche all’adozione di ruote da 16”. Il telaio a longheroni e traverse della Volvo PV800 ospitava un motore serie ED, 6 cilindri in linea, a valvole laterali di 3.670 cc, da 90 Cv, alimentato a benzina, capace di sviluppare una coppia di 216 Nm a 3.600 giri. Lo schema delle sospensioni, di tipo indipendente sulle quattro ruote, prevedeva molle a balestra semiellittica e ammortizzatori telescopici sia all’avantreno che al retrotreno. Il cambio, di produzione Volvo, era un E9 a 4 velocità + RM e due ridotte. I differenziali, anteriore e posteriore, erano bloccabili. La trazione era del tipo integrale permanente.

Alto 3 metri, lungo 4,7 e largo oltre 1,9 metri il Sugga, allestito come radio mobile poteva ospitare fino a 5 passeggeri. La parte posteriore del veicolo era una vera e propria sala radio con le apparecchiature fissate su un tavolino metallico saldato alla paratia che divideva i posti anteriori da quelli posteriori. Con un’altezza minima da terra di 25 cm e angoli d’attacco e d’uscita estremamente ridotti il TP21 Sugga era un veicolo estremamente valido per l’hard off-road.

Nonostante l’aspetto esteriore del TP 21 non fosse dei più aggraziati, questa strana fusione tra camion e automobile, resa ancor più evidente dal “musone” prominente e tozzo, trasmetteva un mix di sensazioni, tra marziale forza brutale e simpatia.

Rivelatosi da subito un ottimo veicolo il TP21 “Sugga” entrò in sevizio attivo nel 1953, e fu utilizzato dal Regio Esercito Svedese per molti anni, anche dopo l’uscita di produzione avvenuta nel 1958. Prodotto in 720 esemplari, il TP 21, oltre che come radio mobile (Radiopersonterrängbil 915) ed auto comando, costituiva un’ottima base per altri allestimenti speciali come: la versione torpedo TL 11 per l’aeronautica che, attrezzato con un motore ausiliario Volvo Penta veniva utilizzato come Jet Starter; lo station wagon 5/7 posti P2104 Special; l’indistruttibile camionetta 6×6 TL 22.

Questi veicoli, nonostante le comprovate qualità non riuscirono mai a varcare i confini di stato per servire eserciti stranieri. In seguito però il “Sugga”, dismessa la divisa, è stato adottato dai giovani californiani, come veicolo a tutto sport, con l’immancabile tavola da surf legata sul tetto e le bici sul portapacchi posteriore.

Oggi il TP21 è ricercatissimo dagli appassionati di vintage off-road. Purtroppo difficilmente si trova ancora un TP 21 perfettamente conservato, e, la maggior parte di quelli in circolazione, sono stati oggetto di “trasformazioni” tra le quali, la più comune è la sostituzione dell’originale 6 cilindri Volvo a benzina con più performanti e moderni Diesel V8 americani.

Volvo_Sugge_TP21

 

Comments are closed.